Newsletter n° 1 - Marzo - Aprile 2013

Serve un Governo. Il prima possibile.

L’esito elettorale dello scorso 24 e 25 febbraio da un parte ha portato con sé elementi di novità, dall’altra ha alimentato una situazione di incertezza e di preoccupazione in un quadro economico tutt’altro che sereno.
Oggi abbiamo la necessità di mettere al centro l’economia reale del Paese: senza tempestivi e concreti interventi in questo senso, rischiamo nel breve termine conseguenze estremamente pericolose. È urgente innanzitutto sbloccare i pagamenti dovuti alle imprese dallo stato: dopo l’ok dell’UE alla liquidazione dei debiti pregressi della PA, serve ora un piano di rientro che garantisca subito le risposte che il nostro tessuto produttivo sta aspettando da un tempo ormai inaccettabile.

Anche le imprese cooperative, che pure hanno tutelato l’occupazione in presenza della crisi, corrono seri rischi di sopravvivenza. Bruxelles ha fatto bene ad aprire alla possibilità di far rientrare il pagamento dei debiti commerciali fra i fattori attenuanti del patto di stabilità. Ma per ridare fiato alle nostre imprese e far ripartire l’economia, serve comunque un cambiamento di approccio delle istituzioni comunitarie, come ha sottolineato il presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane Giuliano Poletti, precisando: «Il Governo italiano deve impegnarsi a negoziare politiche di sostegno alla crescita attraverso un allentamento dei criteri del patto di stabilità, che differenzi nel contempo la valutazione della spesa degli stati membri a seconda che si tratti di spesa per investimenti o di spesa corrente, adottando la “golden rule” mirata alla scomputo di alcuni investimenti dai vincoli di bilancio. Di riflesso, occorre allentare i vincoli del patto di stabilità interno, in favore di una ripresa degli investimenti nei Comuni, come sostenuto anche dall’Anci».

Sciogliere il nodo dei pagamenti dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della PA per lavori, servizi e forniture resi, affrontare di petto il problema ancora non risolto dei rimborsi fiscali (negoziando, anche in questo caso, l’esenzione dalle regole del patto di stabilità) e, infine, trovare soluzioni per smaltire tutto il debito pregresso, anche quello di natura fiscale.
Per fare questo serve un Governo. Il prima possibile.

Legacoop Veneto e Legacoop Fvg mettono in rete le eccellenze.

Da sx a dx: Gianfranco Lucatello, Giuliano Poletti e Enzo Gasparutti.

Le macroaree territoriali come nuovo parametro di riferimento dell’attività associativa, sul quale rimodulare la rappresentanza politico-sindacale e imperniare i processi di messa in rete dei servizi alle imprese cooperative: questo il cambio di marcia adottato da Legacoop Veneto e Legacoop Friuli Venezia Giulia per affrontare le... leggi tutto

Crisi aziendali: sempre più gettonata la via cooperativa

La formazione di IsfidPrisma nel mese di marzo

Cresce la voce di Legacoop Veneto

Il NO dell’Alleanza delle Cooperative Italiane alla centrale cooperativa di Coldiretti

Impresa sociale e UE: quale scenario?

La San Marco Onlus di Peschiera del Garda per l'occupazione

Brio festeggia vent’anni di attività

Operativo il progetto "Digit in carcere"

11 Aprile 2013

Novità IRES: seminario di IsfidPrisma a Udine

15 Aprile 2013

Novità IRES: seminario di IsfidPrisma a Mestre